the original source tubegalore

News

mt 10 26 33 commento

+ Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, Gesù …. Folgore. Ilvo Corniglia è uno dei tuoi autori preferiti di commenti al Vangelo?Entrando in Qumran nella nuova modalità di accesso, potrai ritrovare più velocemente i suoi commenti e quelli degli altri tuoi autori preferiti! Lettura del Vangelo del giorno Commento al Vangelo del giorno di don Luigi Maria Epicoco. AUTORI E ISCRIZIONE - RICERCA, XII Domenica del Tempo Ordinario (Anno A) (25/06/2017). Mt 10,26-33 Non abbiate paura di quelli che uccidono il corpo. Si può allora vedere, in queste parole, anche la persona stessa di Gesù, e anche il modo in cui Egli si è inteso come Messia. La parola di Gesù, la sua rivelazione, anche se affidata a pochi nel segreto, anche se inizialmente rifiutata e fallimentare, si farà strada e avrà uno sviluppo, come il seme di un albero (cfr Mt 13, 31-32). In questa domenica e nella prossima proclameremo parte di quel discorso di Gesù conservatoci dal Primo Vangelo definito “missionario” o “apostolico”, e che prende praticamente tutto il decimo capitolo (Mt 10,5-42). Dal Vangelo secondo Matteo (Mt 10,26-33) In quel tempo, Gesù disse ai suoi apostoli: «Non abbiate paura degli uomini, poiché nulla vi è di nascosto che non sarà svelato né di segreto che non sarà conosciuto. Vangelo del giorno. Quello che io vi dico nelle tenebre voi ditelo nella luce, e quello che ascoltate all'orecchio voi annunciatelo dalle… (San Bernardo). 21 giugno 2020XII DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO (ANNO A). È il secondo lungo discorso del Vangelo di Matteo: inizia con la chiamata e l’invio dei dodici e si conclude con quella formula tipica che in Matteo troviamo sempre a conclusione di ogni discorso di Gesù: «Quando Gesù ebbe terminato di…» (Mt 11,1). E' uno degli imperativi più frequenti nella Bibbia e risuona immancabilmente sulla bocca di Dio ogni volta che incontra una persona o un gruppo di persone. Non si parla solo di luoghi in cui andare, dello stile da assumere, ma anche della possibilità della persecuzione e di cosa fare nel momento in cui questa si abbatta sui missionari. Questo perché ogni notizia tende a propagarsi come per un processo naturale. La lettura di Matteo riprende al capitolo 10, in cui vediamo Gesù inviare i suoi discepoli in missione. "Quello che vi dico nelle tenebre.....predicatelo sui tetti". Mc 7,1-8.14-15.21-23: Trascurando il …, Commento di don Fabio Rosini Vangelo XVII d.t.o. E' l'invito che Ges ci fa questa settimana per ben tre volte nel Vangelo di Matteo. Il Vangelo di Giovanni ci spiega bene l’opera di Gesù, quando riporta la sua risposta al sommo sacerdote che lo interroga nel Sinedrio: «Io ho parlato al mondo apertamente; ho sempre insegnato nella sinagoga e nel tempio, dove tutti i Giudei si riuniscono, e non ho mai detto nulla di nascosto» (Gv 18,20). l'utilizzo delle parabole invece dei discorsi espliciti, Mt 13,10-11), ma questo messaggio deve essere poi predicato dalle terrazze che fanno da tetto alle case della Palestina, cioè da luoghi alti e scoperti, in modo che tutti lo possano sentire. È il messaggio della Messa di questa domenica. Dio infatti è dalla loro parte. Il Vangelo è scomodo e può sempre, in ogni tempo e in ogni contesto, portare alla morte di chi lo annuncia. Ognuno è il suo tesoro personale: "Come possiamo essere una piccola cosa, se siamo un tesoro per te?" I campi obbligatori sono contrassegnati *, In order to pass the CAPTCHA please enable JavaScript. VIDEO Video commento a Mt 10,26-33 Paolo Curtaz . Ma, soprattutto, perché Dio si incaricherà di far conoscere e diffondere la rivelazione di Gesù: è questo il senso dei due verbi nella forma passiva ("deve essere svelato...deve essere manifestato" da Dio, si intende). Commento al Vangelo Mt 10,26-33 Non abbiate paura di quelli che uccidono il corpo. Egli di solito ragiona con categorie ebraiche, in cui tale distinzione non esiste, essendo l'anima la ‘vità. All’inizio della storia della Chiesa, le parole di Gesù devono aver sostenuto i discepoli perseguitati dagli imperatori romani, ma ancora recentemente le vittime delle ideologie sarebbero capaci di spiegarci, con il loro martirio, il senso di questo discorso missionario. Commento al Vangelo Mt 20, 1-16 Sei invidioso perché io sono buono? Era stata profanata con dei sacrifici di bambini e la si considerava un luogo immondo. Il mondo non cambiato, sempre pi inquieto e insofferente. È strano che nel nostro versetto 10,28 («Non abbiate paura di quelli che uccidono il corpo, ma non hanno potere di uccidere l’anima») non si chiarisca con precisione chi sono “quelli” che cercano di uccidere il corpo; anche prima, in 10,17, si parlava genericamente di “uomini” che consegneranno i discepoli di Gesù nei tribunali, e in 10,19 e in 10,23, ancora, il soggetto della persecuzione non è espresso chiaramente. 31Non abbiate dunque paura: voi valete più di molti passeri! Come singoli e come comunità abbiamo mai riflettuto seriamente su questa consegna di Gesù e sulle sue implicazioni concrete? Qumran2.net, dal 1998 al servizio della pastorale, XII Domenica del Tempo Ordinario (Anno A). Vangelo della scorsa domenica). Meditiamo- Mi è mai capitato di avere paura di testimoniare la parola di Dio e di tenerla nascosta?- Ho fatto qualche volta l'esperienza di sentirmi prezioso/a agli occhi di Dio?- Cosa significa per me oggi riconoscere o, al contrario, rinnegare il Signore? Il discepolo deve raggiungere il livello del suo maestro, deve essere disponibile ad annunciare il vangelo con tutta franchezza, senza lasciarsi intimorire dalle minacce dei suoi oppositori. : Vangelo Gv 6, 1-15 Distribuì a quelli che erano …, Commento di don Fabio Rosini XVI dom. Un LIBRO (a cura di Antonio Landi), e i VIDEO sul tema centrale della fede cristiana, Venerdì Santo e Pasqua tra Cristianesimo ed Ebraismo. Il Vangelo di Matteo ci mette di fronte a Gesù che affida ai Dodici la missione apostolica: dopo averne indicato i contenuti, li avverte che, se vi saranno fedeli, saranno senz'altro perseguitati. In quel tempo, Gesù disse ai suoi apostoli: Commento di don Fabio Rosini al Vangelo della XXXII d.t.o. Responsabili di tale annuncio - oggi diciamo preferibilmente "nuova evangelizzazione"- sono tutti i discepoli di Gesù, nessuno escluso. de Foucauld ", Luca (il libro letto nell’anno 2018-2019), Commento al vangelo della XXXIII domenica del Tempo Ordinario (Mt 25,14-30), a cura di Giulio Michelini ofm, Una nuova collana, tra Bibbia e arte. Più propriamente: "senza il Padre vostro". La nostra salvezza definitiva si decide nella posizione che prendiamo o meno in suo favore, nella nostra solidarietà o meno con Lui. Vangelo Mc 4, 26-34 È il più piccolo di tutti i …, Commento di don Fabio Rosini Cel. Ecco dove poggia la speranza di Gesù sul futuro del suo Vangelo: tutta l'"impresa" la conduce il Padre e lo fa proprio attraverso i discepoli ("ditelo nella luce, predicatelo sui tetti"). de Foucauld a Mt 10,26-33 XII Domenica del Tempo Ordinario A 19 giugno 2017. Perfino i capelli del vostro capo sono tutti contati. Mc 6, 1-6 Un profeta non è disprezzato se non nella sua …, Commento di don Fabio Rosini al Vangelo della Liturgia della XIII Domenica del T.O, NATIVITA' DI SAN GIOVANNI BATTISTA Commento di don Fabio Rosini Lc 1, 5-17 Ti darà un figlio e tu …, Commento di don Fabio Rosini XI domenica t.o. Importante il brano della lettera di san Paolo ai Romani: l'umanità è stata resa vittima del peccato dal primo Adamo; ma il dono di grazia di Gesù Cristo nuovo Adamo è stato riversato su tutti gli uomini. Il terzo motivo su cui Gesù fonda l'esortazione a bandire ogni timore è l'amore paterno e provvidente di Dio per ciascuno dei suoi figli. Commento di don Fabio Rosini al Vangelo Mt 14, 22-33 Comandami di venire verso di te sulle acque, Commento al Vangelo Mt 14, 13-21 Tutti mangiarono e furono saziati, Commento di don Fabio Rosini al Vangelo Mt 13, 44-52, Il commento di don Fabio Rosini al Vangelo Mt 13, 24-43: Gesù racconta le parabole del grano e …, Commento al Vangelo Mt 13,1-23: Gesù racconta la parabola del seminatore: “Chi ha orecchi, ascolti”, Il commento di don Fabio Rosini al Vangelo Mt 11, 25-30: Gesù rende lode al Padre perché ha rivelat…, Il commento di don Fabio Rosini al Vangelo: Mt 10, 37-42: “Chi non prende la sua croce e non mi …. 29Due passeri non si vendono forse per un soldo? La Lettera apostolica di Papa Francesco, “Scripturae Sacrae affectus”. - "Due passeri...voi valete di più". Vangelo: Mt 10,26-33 Visualizza Mt 10,26-33 Gesù invia i discepoli di tutti i tempi a "evangelizzare", dicendo quello che diceva Lui e operando quello che operava Lui, anzi...lasciando che Lui continui a dire e ad operare attraverso di loro. Quando hai bisogno, Qumran ti dà una mano, sempre. Ecco dunque l'appello finale: chi riconoscerà Gesù anche nella persecuzione, sarà salvato; sarà il Signore stesso a riconoscerlo davanti al Padre. Quando hai bisogno, Qumran ti dà una mano, sempre. E chi affida la sua causa a Dio può alla fine lodare il Signore "perché ha liberato la vita del povero dalle mani dei malfattori". Tutte le registrazioni video disponibili: Massimo Grilli, Elide Siviero, Carlo Broccardo, Assunta Steccanella, Il nostro sito e il servizio per la Parola in… Cina, Un’estate con la Bibbia. Gesù invia i discepoli di tutti i tempi a "evangelizzare", dicendo quello che diceva Lui e operando quello che operava Lui, anzi...lasciando che Lui continui a dire e ad operare attraverso di loro. Nel brano che precede immediatamente il nostro (vv 16-25) ha annunciato apertamente le persecuzioni che si accaniranno contro i discepoli inviati in missione. "Non abbiate paura", lo stesso invito che circa 39 anni fa ha fatto al mondo intero San Giovanni Paolo II. Vangelo Mc 10, 2-16 L'uomo non divida …, Vangelo di don Fabio Rosini al Vangelo XXVI d.t.o. Il legame con Gesù sofferente può provocare angustia e timore nel discepolo. 29Due passeri non si vendono forse per un soldo? 32Perciò chiunque mi riconoscerà davanti agli uomini, anch’io lo riconoscerò davanti al Padre mio che è nei cieli; Se vuoi saperne di più, consulta la cookie policy. E tutto lo interessa di noi: "Perfino i capelli del vostro capo sono tutti contati". Mc 6, 30-34: Erano come pecore che non hanno pastore, Commento al Vangelo XV t.o. Qumran2.net, dal 1998 al servizio della pastorale, XII Domenica del Tempo Ordinario (Anno A). In quel tempo, Gesù disse ai suoi apostoli: «Non abbiate paura degli uomini, poiché nulla vi è di nascosto che non sarà svelato né di segreto che non sarà conosciuto. AUTORI E ISCRIZIONE - RICERCA. 26 “Therefore do not be afraid of them. (cfr. Può essere inteso come il riconoscimento davanti ai tribunali, ma anche in qualsiasi altra situazione. Vangelo della scorsa domenica). Newman). 27Quello che io vi dico nelle tenebre voi ditelo nella luce, e quello che ascoltate all'orecchio voi annunciatelo dalle terrazze.E' vero che l'insegnamento di Gesù ha qualcosa di misterioso, qualcosa che Egli dice ai suoi discepoli e non alle folle (es. + Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, Gesù disse ai suoi apostoli: «Non abbiate paura degli uomini, poiché nulla vi è di nascosto che non sarà svelato né di segreto che non sarà conosciuto. Gesù è sia l’oggetto dell’annuncio missionario, e anche l’unico mediatore presso il Padre. Anche il Vangelo secondo Luca contiene le parole di questo discorso: segno che Matteo e Luca hanno probabilmente attinto ad una stessa fonte che invece Marco ha tralasciato o di cui non era a conoscenza. Di più: se la Parola di Gesù non viene gridata dai tetti, e non è detta apertamente, nella luce, non è efficace. In quel tempo, Gesù disse ai suoi apostoli: «Non abbiate paura degli uomini, poiché nulla vi è di nascosto che non sarà svelato né di segreto che non sarà conosciuto. Moltiplicare gli atti di affidamento al Padre e unire spesso le proprie sofferenze a quelle del Crocifisso: questo esercizio ci procurerà la vera libertà di fronte a ogni forma di paura. Può anche mancare il coraggio della testimonianza, come è già accaduto nella storia della Chiesa, con i lapsi, che durante le persecuzioni avevano sacrificato agli idoli per salvarsi la vita. Se vuoi saperne di più, consulta la cookie policy. 27Quello che io vi dico nelle tenebre voi ditelo nella luce, e quello che ascoltate all’orecchio voi annunciatelo dalle terrazze. 32Perciò chiunque mi riconoscerà davanti agli uomini, anch'io lo riconoscerò davanti al Padre mio che è nei cieli;Il verbo homologheo significa "confessare", "lodare", ma anche "dichiararsi pubblicamente in favore di qualcuno". 21 giugno 2020XII DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO (ANNO A). Per questo Gesù vuole incoraggiarlo: è il senso del triplice "non temete" con le motivazioni che lo fondano. Vangelo Mt 10,26-33: Non abbiate paura di quelli che uccidono il corpo. Il segmento di oggi del discorso missionario riguarda due aspetti della missione: la paura nella persecuzione (10,26-31) e il riconoscere o rinnegare Gesù (32-33). Eppure nemmeno uno di essi cadrà a terra senza il volere del Padre vostro. Il vero bene è la vita eterna con Dio, il vero male è essere privati di Dio. Eppure nemmeno uno di essi cadrà a terra senza il volere del Padre vostro. 27Quello che io vi dico nelle tenebre voi ditelo nella luce, e quello che ascoltate all’orecchio voi annunciatelo dalle terrazze. "L'uomo è amato da Dio! Mc 10, 46-52 Rabbunì, che io veda di …, Commento di don Fabio Rosini al Vangelo della XXIX d.t.o. Visualizza Mt 10,26-33. Quando lungo la giornata avvertirò il peso, la fatica, il "pericolo" a cui mi espongono il credere e il testimoniare Gesù, riascolterò il suo "Non temete" e la buona notizia che lo fonda. Informativa: Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Un contributo di Micaela Soranzo, Le vetrate di Marc CHAGALL sui dodici figli di Giacobbe e le tribù di Israele nella sinagoga dell'ospedale Hadassah di Gerusalemme. Vale anche per noi oggi, in particolare per i fratelli perseguitati in molte parti del mondo, l'appello alla fiducia: chi è con Cristo non teme la persecuzione e la morte. Come Carmelitani, viviamo in ossequio di Gesù Cristo e lo serviamo fedelmente con cuore puro e retta coscienza, impegnandoci nella ricerca del volto del Dio vivente (dimensione contemplativa della vita), nella preghiera, nella fraternità e nel servizio (diakonia) in mezzo al popolo, sotto la protezione e la guida della Beata Vergine Maria del Monte Carmelo che onoriamo come Madre e Sorella. Gesù riprende, con insistenza, questa esortazione divina. 30Perfino i capelli del vostro capo sono tutti contati. 30Perfino i capelli del vostro capo sono tutti contati. In streaming la possibilità di partecipare alle Giornate di Archeologia, 22-23-24 Ottobre 2020, Il nuovo programma del Servizio Animazione Biblica 2020-2021: Gianfranco Ravasi, Romano Penna, Pino Pulcinelli… a Perugia, San Girolamo. I martiri "sono coloro che hanno annunciato il Vangelo, dando la vita per amore...Il credente che abbia preso in seria considerazione la propria vocazione cristiana, per la quale il martirio è una possibilità già annunciata nella Rivelazione, non può escludere questa prospettiva dal proprio orizzonte di vita" (IM 13). La Cattedra ... Lc 14,25-33. Semplicissimo!Clicca su questo indirizzo email per mandare un'email vuota; riceverai un'altra email da Yahoogroups con un link da cliccare per confermare la tua iscrizione:pn-agensir-subscribe@yahoogroups.com, Qumran2.net, dal 1998 al servizio della pastorale, XII Domenica del Tempo Ordinario (Anno A). "Che cosa hai rischiato tu per la tua fede?" Venite, è pronto. Le parole di Gesù, che stiamo meditando, fanno emergere due atteggiamenti di fondo che il discepolo è chiamato a vivere e a rinnovare incessantemente: la fiducia totale nel Padre e l'attaccamento incondizionato a Gesù del quale condivide la passione. Mc 8, 27-35 Tu sei il Cristo... Il Figlio …, Commento di don Fabio Rosini al Vangelo della XIII d.t.o. 33chi invece mi rinnegherà davanti agli uomini, anch'io lo rinnegherò davanti al Padre mio che è nei cieli.Il contrario di riconoscere è "rinnegare". 27Quello che io vi dico nelle tenebre voi ditelo nella luce, e quello che ascoltate all’orecchio voi annunciatelo dalle terrazze. 33chi invece mi rinnegherà davanti agli uomini, anch’io lo rinnegherò davanti al Padre mio che è nei cieli». Mc 10, 35-45 Il Figlio dell'uomo è …, Commento di don Fabio Rosini al Vangelo della XXVIII d.t.o. Tutti devono saperlo. Dio si prende cura di ogni creatura a tal punto che neppure un passerotto è trascurato da Lui: "non cadrà a terra senza che il Padre vostro lo voglia". Per questo li incoraggia: tre volte in un testo pur così breve troviamo l'imperativo "Non temete". La caduta a terra del passero, cioè la sua morte, non avverrà senza che Dio lo sappia e lo permetta. In questo caso però egli fa sue la distinzione greca tra anima e corpo che si prestava meglio a parlare della vita dopo la morte.Bisogna temere soprattutto il Signore, colui che può far perire anche l'anima! Con la serena fiducia che Egli ci "riconoscerà" come suoi fratelli davanti al Padre nel giorno del giudizio. All'uomo abituato a convivere con la paura, a trascinarsi prigioniero della paura, Dio offre la grande assicurazione che, quando c'è Lui e l'uomo accetta la sua compagnia, la paura non ha più ragion d'essere e viene superata. Se Dio si prende cura dei passeri, quanta maggiore cura avrà per gli uomini. La persecuzione nei suoi confronti ha inizio nella calunnia, finalizzata a delegittimarlo. Mc 7, 31-37:Fa udire i sordi e fa parlare…, Commento di don Fabio Rosini al Vangelo della XI d.t.o. Parole Nuove - Commenti al Vangelo e alla LiturgiaCommenti al Vangelo Quello che io vi dico nelle tenebre voi ditelo nella luce, e quello che ascoltate all’orecchio voi annunciatelo dalle terrazze. Courage Under Persecution. Gesù richiama alcuni motivi che potranno sostenerli nel combattere e vincere la paura. Nel vangelo di oggi ascoltiamo le raccomandazioni che Gesù fa loro. Il discepolo perseguitato, anche se muore, ha dalla sua parte la testimonianza di Gesù, che diventa salvezza. Un contributo di Micaela Soranzo e una lettura teologica di Giulio Michelini, Un nuovo numero sul Pentateuco della rivista dell’Associazione Biblica Italiana, Parole di Vita: “Cibo”, Anticipazione del numero della rivista ABI “Parole di Vita”: Famiglie, IL PARADOSSO DELLA RISURREZIONE. 29Due passeri non si vendono forse per un soldo? Il passero, il piccolo uccello mangiato dai poveri, era il genere di carne meno cara che si poteva trovare sul mercato. 31Non abbiate dunque paura: voi valete più di molti passeri! Andategli incontro! Le SETTIMANE BIBLICHE e i CORSI DI FORMAZIONE BIBLICI organizzati dall’Associazione Biblica Italiana, Grazie a tutti voi che avete condiviso la lettura del Libro dei Salmi, Sito ufficiale dell’Associazione Biblica Italiana (ABI). I pubblicani e le prostitute vi passano avanti …. Mt 26,70.72). Non abbiate paura di quelli che uccidono il corpo. Testimoniamo così che il valore più alto non è la vita terrena e ogni forma di benessere o di successo, da ricercare o conservare a ogni costo. Solo chi uccide l'anima può fare paura ai discepoli di Cristo. 30Perfino i capelli del vostro capo sono tutti contati. Ora Qumran ha bisogno di te. Nel Vangelo, si diceva, c’è qualcosa di scomodo e di pericoloso. Due passeri non si vendono forse per un soldo? Perciò chiunque mi riconoscerà davanti agli uomini, anch’io lo riconoscerò davanti al Padre mio che è nei cieli; chi invece mi rinnegherà davanti agli uomini, anch’io lo rinnegherò davanti al Padre mio che è nei cieli». Commento di Ch. 31Non abbiate dunque paura: voi valete più di molti passeri! Nothing is concealed that will not be revealed, nor secret that will not be known. Non nel senso che vi libererà dalla morte, ma - se essa è prevista nel suo piano d'amore - Egli la...vivrà con voi, come tenendovi in braccio. Avvertimi via email alla pubblicazione di un nuovo articolo. de Foucauld al vangelo di domenica 25 giugno 2017. Santi Vangelo del giorno. Eppure nemmeno uno di essi cadrà a terra senza il volere del Padre vostro.Il termine tradotto con "soldo" è l'as, la moneta romana più piccola. Posted in Meditazioni Ch. Un itinerario di antropologia biblica” – PIB 25 marzo 2020 – Evento Annullato, Gerusalemme. Visualizza Mt 10,26-33. Parole Nuove - Commenti al Vangelo e alla LiturgiaCommenti al Vangelo Geremia è il profeta che parla in nome di Dio, e, allo stesso tempo, il testimone che, perseguitato e sofferente, preannuncia la passione del Signore Gesù nella sua stessa esperienza. 28E non abbiate paura di quelli che uccidono il corpo, ma non hanno potere di uccidere l’anima; abbiate paura piuttosto di colui che ha il potere di far perire nella Geènna e l’anima e il corpo. 33chi invece mi rinnegherà davanti agli uomini, anch’io lo rinnegherò davanti al Padre mio che è nei cieli». Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Quando il messaggio viene addomesticato, diventa innocuo e non serve a nulla, come il sale della terra può solo essere gettato. Qui va inteso secondo quest'ultimo significato, infatti è seguito da un "per me". Ma non è indifferente e lontano, bensì presente, partecipe della tragedia della sua piccola creatura, soffrendola in qualche modo con lei. Ogni giorno, però, noi possiamo dare alla nostra vita la dimensione del "martirio", quando - sapendo morire a noi stessi - compiamo ogni gesto nella radicalità dell'amore a Dio e al prossimo. XII Domenica del Tempo Ordinario (Anno A) (19/06/2005). 33chi invece mi rinnegherà davanti agli uomini, anch’io lo rinnegherò davanti al Padre mio che è nei cieli». In questo brano risuona soprattutto l'esortazione a non temere le persecuzioni perché la parola di Dio non può rimanere nascosta e Gesù non può essere rinnegato. Matteo ne ha parlato alcuni versetti prima (Mt 10,17): sono gli uomini che li avrebbero consegnati ai tribunali, che li avrebbero flagellati nelle sinagoghe, che li avrebbero condotti davanti a governatori e re per causa di Gesù. ... Commento al Vangelo del giorno (Mt 10,26-33) Enzo. In questo luogo si buttavano i rifiuti e insieme ad essi si bruciavano i cadaveri immondi.Per questo motivo è diventata poi il simbolo del castigo degli empi e anche nell'immaginario cristiano si è tramutata nel fuoco dell'inferno. Gesù desidera trasmetterci la certezza che riempie il suo cuore: del suo Vangelo tutti gli uomini hanno un assoluto bisogno. (Card. Commento su Mt 10,26-33 Collocazione del brano Terminato il periodo pasquale e le grandi solennità del Signore, riprendiamo il cammino del tempo ordinario. Presentazione del nuovo documento della Pontificia Commissione Biblica: “Che cosa è l’uomo? Quando hai bisogno, Qumran ti dà una mano, sempre. Testimonianza profetica e persecuzione sono realtà indissolubili nella vita del popolo di Dio e nell'esperienza dei profeti. Informativa: Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Quindi, ripete Gesù: "Non abbiate paura": i persecutori potranno uccidere il corpo, ma non l'anima. Commento al Vangelo del 10 Novembre 2020 | Lc 17,7-10. Nel vangelo … 28E non abbiate paura di quelli che uccidono il corpo, ma non hanno potere di uccidere l’anima; abbiate paura piuttosto di colui che ha il potere di far perire nella Geènna e l’anima e il corpo. Gesù stesso è al centro del messaggio del Regno dei Cieli, quello che gli apostoli devono annunciare come ormai “vicino” (cf. 28E non abbiate paura di quelli che uccidono il corpo, ma non hanno potere di uccidere l’anima; abbiate paura piuttosto di colui che ha il potere di far perire nella Geènna e l’anima e il corpo. E' questo il senso della contrapposizione: non temere gli uomini che al massimo possono togliere la vita fisica; temere, invece, Dio (cioè riconoscerlo, adorarlo, amarlo, attuare la sua volontà), Dio il quale è infinitamente più potente dei persecutori e dal quale dipende il nostro destino definitivo, la vita eterna o la rovina eterna. Quanto più - conclude Gesù - il "Padre vostro" avrà sollecitudine di voi. Home Vangelo del Giorno don Luigi Maria Epicoco – Commento al Vangelo del 21 Giugno 2020... Vangelo del Giorno don Luigi Maria Epicoco – Commento al Vangelo del 21 Giugno 2020 – Mt 10, 26-33 29Due passeri non si vendono forse per un soldo? Preghiamo(Colletta della 12a Domenica del Tempo Ordinario Anno A)O Dio, che affidi alla nostra debolezza l'annunzio profetico della tua parola, sostienici con la forza del tuo Spirito, perché non ci vergogniamo mai della nostra fede, ma confessiamo con tutta franchezza il tuo nome davanti agli uomini, per essere riconosciuti da te nel giorno della tua venuta.Per Cristo nostro Signore. Collocazione del branoTerminato il periodo pasquale e le grandi solennità del Signore, riprendiamo il cammino del tempo ordinario. Chi sta con Cristo sa che sempre subirà persecuzione, ma, anche morendo, sarà con Cristo; e sa che nessuna persecuzione potrà cancellare la presenza di Cristo e della sua Chiesa dalla storia del mondo. Ecco, allora, il messaggio della Messa: la storia dell'uomo sarà sempre confronto tra chi sta con Cristo, diventandone testimone e profeta, e chi sta dalla parte del vecchio Adamo, facendosi persecutore dei seguaci di Cristo. Un messaggio che appare in piena luce nella prima lettura. Se vuoi saperne di pi\u00f9 o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta l'informativa estesa. Commento al Vangelo del giorno – Mt 10, 26-33 A cura dei Monaci Benedettini Non temete, non abbiate paura. Commento al vangelo della XII domenica del Tempo Ordinario (Mt 10,26-33) Pubblicato il Giugno 20, 2020 Giugno 27, 2020 di LaParteBuona In quel tempo, Gesù disse ai suoi apostoli: «Non abbiate paura degli uomini, poiché nulla vi è di nascosto che non sarà svelato né di segreto che non sarà conosciuto. : Mc 9,38-43.45.47-48 Chi non è contro di noi è …, Commento di don Fabio Rosini al Vangelo della XXV d.t.o. Commento di don Fabio Rosini al Vangelo Mt 15, 21-28 Donna, grande è la tua fede! Commento al Vangelo Mt 10, 26-33: Non abbiate paura di quelli che uccidono il corpo. Nella persecuzione, alla fine, è Geremia a prevalere, perché sa a chi affidarsi: "A te ho affidato la mia causa!". - Clicca qui per sapere il perché. mons. t.o. XII Domenica del Tempo Ordinario (Anno A) (25/06/2017) Vangelo: Mt 10,26-33 . La vita terrena non è il bene più grande, come la morte non è il male più grande. Vangelo Mt 10, 26-33 Non abbiate paura di quelli che uccidono il corpo. "L'amore di Dio arriva a preparare anche i dettagli...Ora c'è solo l'abbandono che mi guida, non ho proprio altra bussola" ( Santa Teresa di Lisieux). Istituto Teologico di Assisi – Istituto Superiore di Scienze Religiose di Assisi, XXVII Settimana Biblica di Padova. Ora Qumran ha bisogno di te. Quanto essi hanno ascoltato, appreso e vissuto nel rapporto con Lui è un'esperienza così ricca, è un dono così vertiginoso che non può rimanere dentro la loro cerchia, a loro uso e consumo. Ecco perché Gesù dice che se il prezzo da pagare per il Vangelo è a volte quello della vita, questa non viene mai tolta, ma, anzi, è data davvero: chi uccide il corpo non ha mai il potere di togliere anche l’anima.

Come Vedere Chili Gratis, Marina Di Ragusa Mare, Aruba Web Pec Area Clienti, Comune Di Cagliari Modulistica Tari, Patrono Padova 2020, Second Dawn Bunker, San Ciriaco Patrono,

0 Comments

www.iwanktv.club